I 10 atleti più pagati del mondo nel 2015

I 10 atleti più pagati del mondo nel 2015Regolare come le stagioni, arriva direttamente da New York la classifica aggiornata di Forbes sugli atleti più pagati del mondo nel 2015.

La classifica si basa su quanto percepito dagli atleti in questione dal 1 giugno del 2014 al 1 giugno del 2015. Atleti e sportivi in generale sono sempre più pagati, con le cifre dei guadagni personali che non accennano ad arrestarsi.

Giusto per scattare una fotografia eloquente della situazione attuale: l’atleta più pagato del mondo nel 2008 – sempre secondo Forbes – era Tiger Woods con 115 milioni di dollari percepiti in una sola stagione, oggi raccontiamo di un primo posto assoluto occupato da Floyd Mayweather; al pugile statunitense il match del secolo tenutosi nel maggio del 2015 contro il filippino Manny Pacquiao – l’incasso complessivo del match è stato stimato al lordo in 600 milioni di dollari – ha contribuito a fruttare i 300 milioni di dollari complessivi percepiti l’anno scorso. T r e c e n t o  m i l i o ni. Floyd Mayweather oggi ha 38 anni.

Scende di un solo gradino del podio rispetto a Mayweather, Manny Pacquiao, all’anagrafe Emmanuel Dapidran Pacquiao, il primo pugile a vincere dieci titoli mondiali in otto differenti categorie di peso: l’anno scorso ha intascato la bellezza di 160 milioni di dollari, 45 milioni in più rispetto al primo della graduatoria (come detto, Tiger Woods) nel 2008.

Il primo calciatore in lista lo troviamo al terzo posto e si tratta di Cristiano Ronaldo; il portoghese nel corso dell’ultimo anno ha totalizzato 79,6 milioni di dollari complessivi così ripartiti: 52.6 milioni di salario comprendente bonus e varie aggiunte, a cui vanno a sommarsi gli introiti da sponsorizzazioni per un valore di 27 milioni di dollari. Cristiano Ronaldo oggi ha 30 anni e i suoi interessi sono gestiti dalla Gestifute International dell’amico e procuratore Jorge Mendes, il vero paperon de paperoni nel settore delle procure sportive.

Ronaldo lo scorso dicembre ha girato un video nella sua casa di 800 metri quadri del valore di 5 milioni di euro 

Va bene Ronaldo, ma che fine ha fatto Leo Messi, cinque volte Pallone d’oro e giocatore considerato pressochè all’unanimità come il più forte calciatore del pianeta? Beh, Messi si piazza al quarto posto superato per un’inezia dall’impomatato collega portoghese. Un’inezia si fa per dire, perché la differenza tra i due l’hanno fatta i 5,8 milioni di dollari percepiti in più da Ronaldo: per dare una dimensione, si tratta di poco meno dello stipendio di Daniele De Rossi (6,5 milioni) che è il calciatore più pagato della serie A.

Il quinto incasso più alto del 2015 è stato quello di Roger Federer con 67 milioni di dollari accumulati. In questo caso abbiamo una evidente sproporzione tra entrate da premi conquistati sul campo (9 milioni) e quelle invece derivate da contratti di sponsorizzazione e similari (58 milioni) principalmente con Nike, Rolex e Credit Suisse. Roger Federer nell’ultima stagione ha scalato la classifica mondiale, salendo nel ranking ATP dopo essere sceso fino alla settima posizione nel 2013. Attualmente occupa la terza piazza, dietro a Andy Murray e all’attuale leader incontrastato Novak Djokovic.

Sesta e settima posizione per i primi giocatori della NBA nel listone, LeBron James e Kevin Durant: l’anno scorso hanno incassato rispettivamente 64,8 e 54,2 milioni di dollari. LeBron annunciò il suo ritorno a Cleveland nel luglio del 2014, quando decise di lasciare Miami dopo 4 stagioni. Ottava posizione per il golfista Phil Mickelson, che ha incassato una montagna di soldi (48 milioni) grazie ai suoi sponsor Callaway, Barclays, KPMG, Exxon Mobil, Rolex e Amgen e «soli» 2 milioni grazie al green.

Sette anni dopo a quando occupava la primissima posizione della graduatoria stilata ogni anno da Forbes, Tiger Woods ha più che dimezzato la sua paga annuale, scendendo nel 2015 a 50,6 milioni di dollari. Come per il suo collega Mickelson, anche Tiger ha guadagnato relativamente poco dai successi sportivi (600 mila dollari) mentre una cifra notevolmente più alta proviene dalle sponsorizzazioni, la vera fortuna finanziaria di Tiger Woods; i guadagni conseguiti nella sua carriera grazie ai successi sportivi rappresentano solo il 10% del totale incassato. Nel 2009 la maggior parte delle compagnie che avevano legato la propria immagine a Tiger decise di scaricarlo dopo il polverone sollevato dalle storie extraconiugali del golfista. Accenture, AT&T, Buick, Gatorade ma non la Nike, che decise di utilizzare la storia fatta di sesso e tradimenti per far passare il concetto di «redenzione». Venne girato uno spot con il campione statunitense che compariva in bianco e nero, in sottofondo la voce del padre, morto qualche anno prima, gli domandava «Hai imparato dagli errori?».

Lo spot della Nike con Tiger Woods protagonista che ascolta le domande del padre 

Nella classifica dei 10 atleti più pagati del mondo nel 2015, occupa l’ultima posizione l’uomo che a fine stagione lascerà il basket dopo 20 anni di carriera, Kobe Bryant. Per lui, 49,5 milioni di dollari in tutto.