I giocatori più forti d’Europa (in base alle statistiche)

I giocatori più forti d'EuropaI giocatori più forti d’Europa, fino a questo punto iniziale della stagione. E questa volta nessun dibattito, la risposta la lascio ai numeri.

Le opinioni, i pareri e le valutazioni sono mutevoli e plasmabili. I numeri no. Raccontano in maniera precisa la realtà, sulla base di quanto effettivamente successo. Dopo diverse giornate dall’inizio dei principali campionati d’Europa sono andato a vedere quali sono i calciatori che si stanno mettendo in luce nei cinque principali campionati europei per gol segnati, assist riusciti, precisione nei passaggi, contrasti vinti. Mi sono affidato alle statistiche elaborate dall’autorevole sito inglese Squawka.

Riduco al minimo le parole per questo articolo e lascio parlare le grafiche: ben fatte, immediate e certamente meno noiose delle mie parole. Intanto vi anticipo che Cavani è attualmente il miglior attaccante d’Europa per gol realizzati (a quota 8), mentre Franck Ribéry si mette in luce come miglior assist-man in pectore: ben 5. Veniamo poi alla voce highest pass accuracy – ossia la precisione dei passaggi, il dato statistico include solo i calciatori che abbiano almeno 5 partite all’attivo e almeno 100 passaggi fatti – che trova nel difensore del Marsiglia N’Koulou il miglior interprete con il 95% di passaggi riusciti. Un cecchino delle retrovie. Fra gli incontristi abbiamo un pari merito a quota 30 contrasti: Bejamin Andrè del Rennes e Lucas Lima del Nantes. Ecco qua la grafica completa.

I giocatori più forti d'Europa

Dunque ci sarebbero poi numerose altre statistiche che, volendo, possono essere prese in considerazione e aggregate a quelle qui riportate. Ma non è questo l’intento di questo articolo, che vuole in sostanza mettere sotto la lente d’ingrandimento alcuni dei dati più importanti analizzati e messi in archivio da Squawka; come detto, segnare gol, dettare assist, la precisione nei passaggi e l’abilità nell’effettuare contrasti.

Ovviamente tutti i calciatori in graduatoria non hanno subito particolari infortuni nel corso di questa prima parte di stagione ed è un aspetto da non sottovalutare: meno infortuni significano più partite giocate e di conseguenza possibilità di migliorare le performance. Vi lascio con un’altra interessante grafica che mi hanno segnalato a riguardo.

L’infografica realizzata da Sempreattivi.it fornisce 10 consigli per prevenire gli infortuni. Sono semplici regole di base che nel calcio professionistico o amatoriale possono aiutare a evitare o comunque limitare l’occorrenza di eventi negativi che possano compromettere le performance sportive.