Altri sport

“Un’opportunità per me”: L’ex golfista di BYU Zac Blair entusiasta per un altro tentativo al titolo degli US Open

È in qualche modo appropriato che la terza apparizione di Zac Blair nel torneo di golf degli US Open, e la prima dal 2019, si svolga giovedì al celebre Pinehurst Resort in North Carolina.

Dieci anni fa, l’ex All-American della BYU ha fatto il suo debutto nel golf maggiore al Pinehurst No. 2, concludendo al 40º posto, una performance nel 2014 che ha spinto Blair, allora ventitreenne, verso traguardi più grandi e migliori nel golf professionistico.

“Ogni volta che puoi partecipare a un major, è emozionante”, ha dichiarato Blair al Deseret News la scorsa settimana prima di salire su un volo per la costa orientale. “Pinehurst è un po’ dove ho iniziato la mia carriera, almeno professionalmente. Sarà interessante tornare e vedere come va.”

I ricordi di Blair del 2014 — quando il tedesco Martin Kaymer ha conquistato il titolo degli US Open — sono dolci anche perché, nell’ultima buca, il suo caddie ha passato la borsa al padre di Blair, Jimmy, per una memorabile passeggiata insieme lungo il fairway della 18ª buca per la Festa del Papà.

“Questo ha reso tutto ancora più speciale”, ha detto Zac.

Jimmy Blair, una figura di spicco nel panorama del golf dello Utah come professionista di club di grande successo e poi come imprenditore del golf, ha giocato agli US Open del 1981 al Merion Golf Club vicino a Filadelfia. Dopo aver segnato un 2-under-par nelle prime nove buche del primo round, il nome di Jimmy Blair è brevemente apparso in cima alle classifiche lungo il percorso.

Tuttavia, Jimmy ha mancato il taglio delle 36 buche per due colpi, quindi il fatto che Zac abbia superato il taglio e ottenuto un solido piazzamento a Pinehurst è stato un’emozione per entrambi, padre e figlio.

Fino a giovedì scorso, Zac non era certo se Jimmy, ora 69enne e residente a St. George, avrebbe fatto il viaggio.

“È sempre una decisione dell’ultimo minuto”, ha detto Zac.

La moglie del golfista, Alicia, e i figli, di 4, 2 anni e 3 mesi, saranno presenti, proprio come lo erano il mese scorso al PGA Championship quando Blair ha concluso al 53º posto con un 5-under 279 a Valhalla, Louisville, Kentucky. Un video di Blair che dava una lezione improvvisata al figlio di 4 anni, Charlie, sul campo pratica prima dell’inizio del torneo è diventato virale.

“Non c’è mai un momento di noia qui”, ha detto Zac della sua giovane famiglia. “Sarà bello averli lì e ci assicureremo di passare una settimana divertente.”

Può l’attuale residente di Orem competere?

Ha mancato il taglio nel suo ultimo US Open, nel 2019 a Pebble Beach, ma è fiducioso delle sue possibilità a Pinehurst, dopo il successo di dieci anni fa.

Formula E

Il Grande Successo di Oliver Rowland in Formula E

Oliver Rowland potrebbe essere fuori dalla corsa per un improbabile titolo in Formula E, ma, qualunque sia il risultato finale, ha superato di gran lunga tutte le aspettative interne ed esterne in questa stagione.

Non sarebbe giusto usare il cliché che lui stesso è sorpreso; Rowland ha sempre creduto di poter ottenere risultati con il team e l’auto giusti. Ma con solo due eventi rimanenti, Rowland si trova al quarto posto in classifica, avendo accumulato 36 punti in più da solo in questa stagione rispetto all’intero bottino della Nissan della scorsa stagione.

Tutto questo è successo a solo un anno da una separazione non tanto amichevole da Mahindra. Ma, più pertinente alla luce di ciò che ha ora realizzato con Nissan, Rowland ha ottenuto tutto ciò con metà della conoscenza della Gen3 rispetto ai suoi principali rivali.

Ciò che rende la svolta di Rowland ancora più impressionante è il fatto che, a differenza di alcuni nel paddock di Formula E, non ha mai dubitato che sarebbe tornato meglio che mai.

Sappiamo come i risultati costanti di Rowland abbiano formato una sfida improbabile al titolo in questa stagione. Ma più intrigante è come sia riuscito a mettersi nella posizione per farlo. Si legge come una vera ascesa da quello che 12 mesi fa sembrava essere un punto basso della carriera in un momento cruciale.

Come è entrato in una seconda fase come pilota Nissan può essere compreso solo se guardiamo a perché ha lasciato in primo luogo.

Alla fine della stagione 2020-21, aveva concluso in grande stile con un combattuto secondo posto nella finale di stagione a Berlino, il suo secondo podio di una stagione difficile mentre il team Nissan continuava a riorganizzarsi dopo la morte del suo leader carismatico Jean-Paul Driot due anni prima.

Rowland aveva superato il suo compagno di squadra molto più esperto Sebastien Buemi di un enorme margine di 57 punti. Aveva anche superato Buemi 9-6 in qualifica e aveva una posizione di partenza media molto migliore. Eppure, dietro le quinte, sentiva di non ricevere il giusto credito per i suoi successi.

In parte ciò era dovuto al fatto che il team era gestito dai fratelli Driot, Gregory e Olivier, figli del compianto Jean-Paul. Francamente, non sembrava esserci molto entusiasmo per Rowland durante il loro mandato, il che sembrava strano.

Questi fatti e un approccio lucrativo dell’allora capo di Mahindra Dilbagh Gill nel 2020 si sono rivelati cruciali. Rowland era stato venduto un sogno Gen3 da Mahindra – ma si è rivelato un po’ un incubo.

Gill ha lasciato improvvisamente il team nell’agosto 2022, una stagione che Rowland sapeva di dover semplicemente superare per iniziare la fase di test e sviluppo della Gen3.

Anche quella fase non è stata facile. Un brutto incidente nei test a Mallory Park, causato dal powertrain Mahindra, era presagio di sventura. Poi è arrivata la realizzazione che Mahindra non era realmente nel gioco Gen3. A Città del Capo le Mahindra non erano nemmeno in gara – tutte e quattro le auto tra il team ufficiale e il cliente Abt ritenute inadatte a competere a causa di un difetto alle sospensioni.

Al Monaco E-Prix di maggio 2023 Rowland non vedeva molti aspetti positivi all’orizzonte. Si è frantumato la mano in gara dopo un’irruzione spericolata dal centrocampo fino ai primi sei.

Un summit post-gara con il nuovo capo Frederic Bertrand non è avvenuto – invece, gli eventi sono precipitati. Questi erano affari intricati su cui tutte le parti hanno mantenuto il riserbo, ma poche settimane dopo Monaco è stato annunciato che Rowland avrebbe lasciato il team e sarebbe stato sostituito da Roberto Merhi.

La verità è che Rowland era stato avvicinato da diversi team per una via d’uscita. The Race capisce che a un certo punto gli è stata fatta un’offerta dalla Maserati, e anche James Barclay di Jaguar e Sylvain Filippi di Envision erano interessati. Tuttavia, aveva un contratto con Mahindra almeno fino alla fine della stagione 2022-23.

La situazione si è complicata. Rowland era a un punto cruciale della sua carriera, avendo appena compiuto 30 anni. Era potenzialmente bloccato in un’auto che non riusciva a ottenere risultati e, in un’occasione, non era nemmeno idonea a prendere il via. Era necessario agire.

Formula E

Sei dilemmi sul calendario da risolvere per la Formula E 2025

Formula E dovrebbe aver quasi completato i suoi accordi per stabilire il calendario 2024/25 questa settimana, prima della sua presentazione alla FIA poco prima di essere ratificato nella riunione del Consiglio Mondiale del Motorsport il mese prossimo.

Formula E vuole iniziare la prossima stagione alla fine dell’anno solare 2024 per tornare al calendario che attraversa l’anno, come era abituata a fare prima del COVID.

Le ragioni di questa strategia sono principalmente due: consentire un maggior numero di gare in un periodo di circa sette mesi e massimizzare il tempo quando ci sono meno altre competizioni automobilistiche.

Pertanto, si punta a un inizio a dicembre, probabilmente a San Paolo, il che significherebbe due eventi di Formula E nella più grande metropoli del Brasile nel 2024, dato che la gara dell’attuale stagione lì si è svolta a marzo.

Ma non è semplice. Non perché San Paolo sia un luogo particolarmente difficile per organizzare una gara; in effetti, il Sambodromo nel distretto di Anhembi è uno dei luoghi più semplici da gestire secondo gli standard della Formula E.

La difficoltà principale risiede nel fatto che, in un dicembre ideale, non ci sarebbe anche una gara di Formula 1 (c’è, ad Abu Dhabi, il 7 dicembre) e non ci sarebbe la scintillante cerimonia dei premi FIA a Kigali in Ruanda (c’è, il 14 dicembre).

Quest’ultimo evento è particolarmente problematico a causa dell’insistenza dell’ente governativo di avere i suoi campioni presenti nella serata in cui consegna tutti i suoi trofei. Questo ha causato un bel grattacapo agli esecutivi della Formula E mentre mettono insieme il calendario.

L’ultima novità è che la gara di San Paolo probabilmente si terrà il 7 dicembre e la Formula E accetterà semplicemente una sovrapposizione con il weekend finale della F1, anche se nulla è ancora definitivo.

Seguirà la tradizionale data di metà gennaio per Città del Messico per iniziare il 2025, seguita dal primo doppio appuntamento della stagione a Diriyah, sia alla fine di gennaio che a febbraio.

Miami, Portland o entrambi?

La questione degli Stati Uniti è complicata per la Formula E.

Deve avere almeno un evento negli Stati Uniti nel suo calendario e attualmente si trova a Portland. Anche se è stato perlopiù per necessità e non per scelta, l’evento di Portland è stato in realtà un successo quando ha fatto il suo debutto nella Formula E lo scorso giugno e ha un altro slot il mese prossimo nel calendario attuale.

Se sarà sufficiente per mantenere Portland per il 2025 è discutibile, ma sembra esserci la possibilità di un terzo evento, sebbene l’emergere di una possibile gara all’impianto di Homestead a sud di Miami sembri prendere il sopravvento.

Se la Formula E scegliesse solo una gara negli Stati Uniti, allora la sede NASCAR e talvolta IndyCar – che ha anche un circuito interno – sembra essere favorita. È stato a Homestead che la Formula E ha condotto un evento mediatico nel marzo 2015 quando il fondatore e presidente Alejandro Agag, tra gli altri, si è divertito con una vettura Gen1.

Le relazioni tra Formula E Holdings e il presidente di Homestead, Al Garcia, sono forti e si dice che le discussioni recenti siano state fruttuose.

Tuttavia, l’entusiasmo nel paddock è misto. Homestead è piuttosto lontano da Miami e l’area circostante a est dell’impianto è prevalentemente rurale, situata tra le Southern Glades.

Ma la Formula E ha prove da questa stagione che la posizione non è la priorità principale per gli organizzatori. Misano e Shanghai sono almeno a un’ora dai principali centri urbani e, sebbene i produttori non siano entusiasti di queste sedi, la Formula E sta chiaramente bilanciando alcuni aspetti del suo calendario in relazione ai costi e alla fattibilità, con lo spostamento dalle strade di Roma a Misano come caso di studio chiave.

Ma potrebbe essere possibile qualcosa di più attraente e più vicino al cuore di Miami? Si ritiene che alcuni colloqui si siano svolti anche con uno stadio all’interno di Miami stessa, sebbene sia probabile che questo sarà più per il 2026 che per il prossimo anno.

Sport

Swiatek Elimina Gauff a Roma; Raggiunge la Seconda Finale Consecutiva del WTA 1000

Giocare contro la numero uno al mondo sulla sua superficie preferita non permette errori gratuiti.

In un glorioso giovedì soleggiato al Foro Italico, Coco Gauff ha affrontato Iga Swiatek con un pareggio 4-4 nei primi 50 minuti di gioco, rispondendo colpo su colpo con una difesa agile e potenti dritti. Poi, per un fugace momento, Gauff ha perso la concentrazione.

Due doppi falli consecutivi l’hanno lasciata a agitare la racchetta con frustrazione, regalando a Swiatek un’apertura significativa. Swiatek ha colpito la linea due volte in quattro punti e si è assicurata il primo set. Il secondo set ha seguito in modo invariabile, e Swiatek ha vinto con un 6-4, 6-3 contro la giocatrice numero tre al mondo.

Solo Serena Williams (2013) è riuscita a vincere titoli consecutivi a Madrid, Roma e Parigi. Swiatek potrebbe assicurarsi le prime due tappe nella finale di sabato agli Internazionali BNL d’Italia contro la vincitrice del match serale tra la numero due Aryna Sabalenka e la numero tredici Danielle Collins. Con una vittoria, la 22enne polacca si troverebbe nella posizione invidiabile di essere la favorita assoluta al Roland Garros.

La partita è iniziata in maniera equilibrata, con entrambe le giocatrici che hanno mostrato un’ottima forma fisica e mentale. Gauff ha cercato di mantenere il ritmo imposto da Swiatek, rispondendo con colpi precisi e una difesa solida. Tuttavia, Swiatek ha dimostrato ancora una volta perché è considerata una delle migliori giocatrici del mondo, sfruttando ogni piccola occasione per prendere il controllo del gioco.

Nel primo set, il punteggio è rimasto vicino fino agli ultimi giochi, quando Swiatek ha approfittato dei doppi falli di Gauff per ottenere un vantaggio decisivo. Il secondo set ha visto Swiatek mantenere la sua superiorità, chiudendo la partita con un altro break decisivo.

La vittoria di Swiatek la porta alla sua seconda finale consecutiva del WTA 1000, consolidando ulteriormente il suo status di numero uno al mondo. La polacca ha dimostrato una volta di più di essere una forza dominante sulla terra battuta, preparandosi al meglio per il Roland Garros.

Ora, tutta l’attenzione è rivolta alla finale di sabato, dove Swiatek affronterà una tra Sabalenka e Collins. Entrambe le giocatrici hanno dimostrato di essere avversarie formidabili, ma Swiatek parte con i favori del pronostico. Una vittoria le permetterebbe di eguagliare il record di Serena Williams e di entrare nella storia del tennis.

In vista del Roland Garros, Swiatek sembra essere inarrestabile. La sua capacità di gestire la pressione e di giocare il suo miglior tennis nei momenti cruciali la rende la favorita per il titolo. Gli appassionati di tennis di tutto il mondo guarderanno con attenzione la finale di sabato, pronti a vedere se Swiatek riuscirà a continuare il suo incredibile percorso verso la gloria.

Altri sport

Thailand Open: Satwik-Chirag avanzano al secondo turno, Prannoy esce

La coppia indiana testa di serie ha impiegato solo 34 minuti per superare la coppia malese con il punteggio di 21-13 21-13 nel match di apertura.

La coppia indiana formata da Satwiksairaj Rankireddy e Chirag Shetty ha avanzato agli ottavi di finale del doppio maschile, ma è stata una giornata deludente per il quinto testa di serie H.S. Prannoy, sconfitto dal connazionale Meiraba Luwang Maisnam nel primo turno del singolare maschile del Thailand Open qui mercoledì.

La coppia di Satwik e Chirag ha impiegato solo 34 minuti per superare la coppia malese formata da Nur Mohd Azriyn Ayub Azriyn e Tan Wee Kiong con il punteggio di 21-13 21-13 nel primo turno.

Il duo indiano affronterà la coppia cinese composta da Xie Hao Nan e Zeng Wei Han nel prossimo turno.

Ma Prannoy non è riuscito a superare il primo ostacolo, perdendo 19-21 18-21 contro Meiraba in un match durato 55 minuti.

Meiraba affronterà il danese Mads Christophersen, che ha battuto l’indiano Kiran George 21-15 13-21 21-17. Nel singolare femminile, Ashmita Chaliha è riuscita a rimontare e a entrare nel secondo turno con una combattuta vittoria per 19-21 21-15 21-14 contro l’indonesiana Ester Nurumi Tri Wardoyo.

Ma un duro incontro la attende nel secondo turno, poiché affronterà la testa di serie cinese Han Yue.

Yue ha avuto la meglio su un’altra indiana, Malvika Bansod, con una vittoria comoda per 21-11 21-10.

Anche Unnati Hooda non è riuscita a superare il primo turno, sprecando un vantaggio di un set per perdere 21-14 14-21 9-21 contro la belga Lianne Tan.

La coppia indiana formata da Satwiksairaj Rankireddy e Chirag Shetty ha avanzato agli ottavi di finale del doppio maschile, ma è stata una giornata deludente per il quinto testa di serie H.S. Prannoy, sconfitto dal connazionale Meiraba Luwang Maisnam nel primo turno del singolare maschile del Thailand Open qui mercoledì.

La coppia di Satwik e Chirag ha impiegato solo 34 minuti per superare la coppia malese formata da Nur Mohd Azriyn Ayub Azriyn e Tan Wee Kiong con il punteggio di 21-13 21-13 nel primo turno.

Il duo indiano affronterà la coppia cinese composta da Xie Hao Nan e Zeng Wei Han nel prossimo turno.

Ma Prannoy non è riuscito a superare il primo ostacolo, perdendo 19-21 18-21 contro Meiraba in un match durato 55 minuti.

Meiraba affronterà il danese Mads Christophersen, che ha battuto l’indiano Kiran George 21-15 13-21 21-17. Nel singolare femminile, Ashmita Chaliha è riuscita a rimontare e a entrare nel secondo turno con una combattuta vittoria per 19-21 21-15 21-14 contro l’indonesiana Ester Nurumi Tri Wardoyo.

Ma un duro incontro la attende nel secondo turno, poiché affronterà la testa di serie cinese Han Yue.

Yue ha avuto la meglio su un’altra indiana, Malvika Bansod, con una vittoria comoda per 21-11 21-10.

Anche Unnati Hooda non è riuscita a superare il primo turno, sprecando un vantaggio di un set per perdere 21-14 14-21 9-21 contro la belga Lianne Tan.

Calcio

L’Arsenal unisce progresso e storia con un altro 1-0 a Old Trafford

Sotto il ruggito dei tuoni e la pioggia che martella il tetto, i luoghi delle passate glorie dell’Arsenal — Anfield, White Hart Lane, Stamford Bridge e, sì, Old Trafford — sono stati proclamati ad alta voce.

“Nessun altro può dire lo stesso,” proclamava una marea di sagome in un angolo della casa del Manchester United.

Se le note alte sembravano un po’ più forzate questa volta, è probabile che l’aggiunta dell’Emirates a quella lista domenica prossima fosse finalmente sorta nella loro mente.

Storicamente, una vittoria dell’Arsenal a Old Trafford è sempre stata significativa, con i tre punti in questo stadio che preannunciano le glorie di primavera.

L’Arsenal ha seguito attentamente quella eredità domenica, approfittando della lentezza di Casemiro per segnare un gol, significando che le ultime sette vittorie in campionato in questo campo, che coprono 39 anni, sono state tutte per 1-0.

La vittoria del novembre 2020 era importante per l’orgoglio e un senso di progresso nel primo anno di Arteta, terminando una lunga serie di partite senza vittorie che risaliva al gol di Emmanuel Adebayor nel 2006. In epoche precedenti, tuttavia, il confronto è stato significativo nel deviare il momento delle corse al titolo verso il nord di Londra.

C’era il 2002 quando il rimbalzo di Sylvain Wiltord conquistò il titolo contro la squadra di Sir Alex Ferguson nella penultima partita della stagione; il 1998 quando inseguivano il United ma uscirono rinforzati dal tiro tardivo di Marc Overmars e andarono a vincere il loro primo titolo in sette anni per un solo punto; il 1990 quando Anders Limpar ingannò Les Sealey da un calcio d’angolo corto per spuntarla in una partita notoriamente carica di tensione e spianare la strada all’Arsenal.

Nel 2024, inseguendo il nastro trasportatore calcistico di Pep Guardiola, il gol di Leandro Trossard occupa un posto elusivo nello spettro emotivo.

Enorme ma misurato, Martin Odegaard ha guidato la sua squadra verso il rumore al fischio finale in quello che è stato più un trascinamento formazionale che il salto selvaggio a cui siamo abituati dopo le grandi vittorie in trasferta.

Come incarnato da Kai Havertz che si piega in due al fischio finale, semplicemente non rimaneva energia in riserva, né la capacità emotiva per tale esuberanza.

Questo era il lavoro fatto ma, sebbene il senso di resistere solo alla futilità per un’altra settimana permanga, i tifosi dell’Arsenal hanno scelto di vivere il momento e brindare a “Trossard ancora, ole ole”.

Un’altra lezione magistrale di William Saliba, dopo le sue esibizioni da uomo partita ad Anfield e all’Etihad, il suo pezzo gladiatorio di difesa uno contro uno contro Ajelandro Garnacho ha aiutato l’Arsenal a ottenere l’undicesimo clean sheet in trasferta in campionato — a solo uno dal record della Premier League stabilito dal Chelsea nella stagione 2008-09.

Formula E

Evans punta al doppio colpo con Jaguar mentre la stagione di Formula E raddoppia

Mitch Evans entra nella seconda metà della stagione di Formula E con grande entusiasmo, dopo una vittoria perfettamente tempistica al Monaco E-Prix due settimane fa. Ora spera di poter mantenere questo slancio mentre cerca il suo primo titolo nella serie.

All’inizio della stagione, il pilota della Jaguar TCS Racing era uno dei favoriti al titolo per molti, ma non ha ottenuto la sua prima vittoria fino all’ottavo round su sedici. Ora, alla vigilia del Berlin E-Prix, che segna l’inizio della seconda metà dell’anno, Evans spera che la vittoria a Monaco possa essere un presagio positivo mentre cerca di lasciarsi alle spalle “un inizio di stagione davvero strano”.

“La vittoria è arrivata in un momento cruciale — ovviamente vincere a Monaco è qualcosa di speciale, ma da un punto di vista del campionato, avevo davvero bisogno di una vittoria del genere in quel momento della stagione,” ha dichiarato a RACER. “Avrei preferito che arrivasse prima — sono stato vicino a San Paolo — ma ho avuto un inizio di stagione davvero insolito.

“Speriamo che ci metta in una buona posizione, in termini di performance, per continuare la nostra forma che abbiamo avuto a Monaco. Ora i circuiti sono completamente diversi da quello, quindi dobbiamo rimanere concentrati sul lato delle prestazioni.

“Mi sento bene. È stato importante ottenere quella vittoria, ha tolto un po’ di pressione, ma ora è il momento cruciale della stagione e stiamo spostando il nostro focus su questo.”

A differenza della prima metà della stagione, la seconda è composta solo da doppi round, con eventi a Shanghai, Portland e nel Regno Unito, oltre alle corse di questa settimana a Berlino che completano gli ultimi otto round del calendario. Non è una formula che entusiasma particolarmente Evans.

“Non sono mai stato un grande fan dei doppi round,” ha ammesso. “Preferisco lo stile del singolo evento, grand prix, quando ti concentri su quella gara e poi passi alla successiva. Penso che sia un po’ più equo perché se un powertrain è dominante in una location, hanno due occasioni per dimostrarlo e a volte è difficile cambiare le cose durante un doppio appuntamento.

“Dovremo vedere come va. Spero che vada bene, ma se dipendesse da me, preferirei otto location diverse.”

Tra le quattro tappe rimaste in calendario, Evans ritiene che ci sarà una divisione equa di tracciati che beneficeranno del pacchetto Jaguar e altri che non lo faranno, con i percorsi temporanei che favoriscono di più il team.

“Speriamo qui (a Berlino) e penso che Londra ci si addica decisamente,” ha detto. “Portland e la Cina sono probabilmente le mie maggiori preoccupazioni — quel tipo di tracciati non tende a favorire il nostro pacchetto quanto altri.”

Rugby

“Clutch” Siya Masuku e “rapido” Tyrone Green: le stelle dei Springboks che hanno brillato nelle semifinali

Con l’avvicinarsi della stagione internazionale, continuiamo a monitorare le prestazioni dei giocatori sudafricani che aspirano a vestire la maglia dei Springboks quest’anno.

Questa settimana, solo una delle principali franchigie era in campo: gli Sharks hanno affrontato il Clermont nella semifinale della Challenge Cup allo Stoop di Twickenham.

Abbiamo esteso il nostro sguardo oltre il semplice scontro di Londra, con sudafricani in azione anche a Tolosa e Croke Park, e persino in Giappone.

Siya Masuku
Nonostante una stagione da dimenticare nel United Rugby Championship, sabato gli Sharks hanno continuato il loro percorso di riscatto, conquistando una splendida vittoria per 32-21 sul Clermont, trascinati dal loro playmaker stellare, Siya Masuku.

Il numero 10 è passato ai Sharks dai Cheetahs all’inizio della stagione 2023/24, ma ci è voluto del tempo perché guadagnasse un posto da titolare, ottenuto per la prima volta contro i Lions nel URC a marzo.

Gli Sharks persero quella partita, ma non hanno più subito sconfitte quando il ventisettenne è stato incluso nella formazione titolare e Masuku è stato nominato Giocatore della Partita nelle sue ultime cinque apparizioni, inclusa la loro vittoria schiacciante contro il Clermont, dove la sua impeccabile precisione nei calci ha assicurato la qualificazione alla finale con 22 punti totali.

La sua straordinaria forma è sicuramente sotto il radar dell’allenatore dei Springboks, Rassie Erasmus, in particolare per l’imminente test match contro il Galles, che si svolgerà fuori dalla finestra internazionale ufficiale.

L’apertura potrebbe essere confermata per quel confronto a Twickenham, specialmente se continuerà a mostrare l’attuale forma. La sua prestazione contro il Clermont ha incluso una conversione decisiva dalla linea laterale per portare in vantaggio la sua squadra, e nonostante non sia stato altrettanto preciso in attacco contro il club francese, ha recentemente dimostrato il suo talento offensivo, assistendo cinque mete tra URC e Challenge Cup.

Gli allenatori dei Springboks apprezzano un giocatore che emerge nei momenti cruciali, e Masuku ha sicuramente questo nel suo arsenale.

Vincent Tshituka
Anche i soliti sospetti hanno contribuito con turni decisivi per portare gli Sharks alla vittoria contro il Clermont, con i Springboks Lukhanyo Am, Eben Etzebeth, Vincent Koch e Grant Williams tutti protagonisti nei momenti cruciali.

Tuttavia, il flanker non ancora cappato Vincent Tshituka si è nuovamente distinto con una brillante prestazione in tutti gli aspetti del gioco. Il pack del Clermont è stato una vera forza imponente durante lo scontro, ma Tshituka ha affrontato ripetutamente il lato francese.

Ha accumulato un impressionante totale di 15 placcaggi e ha conquistato un turnover, ma il momento clou della partita è stato un offload decisivo nelle fasi finali che ha portato alla meta che ha ultimatevely garantito la vittoria per i Durbaniti.

Persistono dubbi sulla sua idoneità a giocare per i Springboks, ma se continuerà a mostrare questo tipo di forma, forse Erasmus fornirà qualche chiarimento.

Mini-Bomb Squad degli Sharks
Ci sono state solo cinque mischie durante la semifinale della Challenge Cup allo Stoop di Twickenham, ma le prestazioni della panchina degli Sharks non sono passate inosservate agli occhi di Erasmus e del suo staff.

Fez Mbatha, Ntuthuko Mchunu e Hanro Jacobs hanno aggiunto energia e mostrato solidità difensiva nelle fasi finali della partita per strappare la vittoria, dopo aver sostituito la prima linea titolare degli Sharks, composta da Springboks.

Calcio

L’offerta da 9 milioni di euro del Liverpool per Slot e perché gli allenatori costano meno dei giocatori

Nove mesi fa, il Liverpool ha speso 60 milioni di sterline per il centrocampista Dominik Szoboszlai del RB Leipzig, una mossa chiave nel piano di successione per rivitalizzare il loro centrocampo invecchiato.

Risulta curioso che abbiano offerto meno di sette volte quella somma per sostituire la figura più importante nella recente storia del club.

Oggi, mercoledì, The Athletic ha riferito che il Liverpool ha iniziato le trattative con il Feyenoord per il manager Arne Slot, chiamato a succedere a Jurgen Klopp. I campioni dell’Eredivisie 2022-23 hanno respinto un’offerta iniziale di 9 milioni di euro (7,7 milioni di sterline, 9,6 milioni di dollari).

Resta da vedere quale sarà la cifra finale se il Liverpool otterrà il suo uomo, ma la disparità non è unica a questa trattativa.

Nel 2022, il Chelsea ha pagato al Brighton & Hove Albion 55 milioni di sterline (63,6 milioni di dollari) per il loro terzino sinistro Marc Cucurella. Il mese seguente, hanno pagato allo stesso club meno della metà di quella cifra (22 milioni di sterline) per il loro manager Graham Potter, l’uomo incaricato di guidare una nuova brillante era a Stamford Bridge sotto il consorzio Todd Boehly-Clearlake.

“Poteva capitare che alcuni giocatori si cambiassero nel corridoio” – il surreale regno di Potter al Chelsea.

Pochi mesi prima, l’Aston Villa ha pagato 26 milioni di sterline per il difensore brasiliano del Siviglia Diego Carlos. Poco dopo, sono tornati in La Liga per un acquisto più significativo: assumere il manager Unai Emery dal Villarreal. Questa volta, hanno pagato al club spagnolo 5,2 milioni di sterline di risarcimento.

La cifra che il Chelsea ha pagato per Potter ha superato i 17,2 milioni di sterline che il Bayern Monaco ha pagato al RB Leipzig per Julian Nagelsmann quando è diventato il loro allenatore nel 2021.

Tutti e tre gli allenatori avevano una solida reputazione e curriculum dettagliati, e si sono trovati a capo di incarichi importanti – quindi perché sono stati così più economici da assicurare rispetto alla maggior parte dei giocatori d’élite? Perché i club assumono e perdono manager per cifre molto inferiori rispetto a quelle comandate dai 25 o più calciatori di cui sono incaricati di guidare e migliorare?

The Athletic ha chiesto agli esperti cosa dicono questi fatti sul valore di manager e giocatori.

Anche se un allenatore può avere molto più impatto di un singolo giocatore, è forse troppo semplificatorio equiparare i due.

Sasha Ryazantsev, ex direttore finanziario e commerciale dell’Everton e membro del consiglio di amministrazione di Goodison fino al 2021, ritiene che l’allenatore sia la persona più importante in un club, ma riconosce una “differenza fondamentale” tra il loro valore e quello di un giocatore.

Inizialmente, c’è il problema della reciprocità. “I club vorrebbero avere una clausola di rescissione per un manager,” dice, “ma qualsiasi manager, o il suo agente, che si rispetti chiederebbe un importo reciproco da pagare a lui, nel caso fosse licenziato.

“Poiché è molto più probabile che il club licenzi l’allenatore piuttosto che lui se ne vada di sua iniziativa, i club preferiscono mantenere qualsiasi clausola di rescissione il più bassa possibile. A volte, la penale può essere chiaramente stipulata nel contratto e a volte deve essere negoziata. Se la clausola di rescissione è soggetta a negoziazione, un buon punto di partenza potrebbe essere la clausola di rescissione del manager.

Basket

McBride Segna 29 Punti, Robinson Torna dall’Infortunio e i Knicks Schiantano i Raptors in Crisi 145-101

Miles McBride ha eguagliato il massimo in carriera con 29 punti, Jalen Brunson ne ha aggiunti 26 e i New York Knicks non hanno mai perso il comando nel loro trionfo per 145-101 sulla squadra in crisi dei Toronto Raptors mercoledì sera, registrando il margine di vittoria più ampio di questa stagione.

Precious Achiuwa ha realizzato 19 punti e 12 rimbalzi contro la sua ex squadra mentre i Knicks hanno vinto per la settima volta in otto partite, stabilendo il massimo stagionale di punti e completando la spazzata nella serie stagionale di quattro partite contro Toronto.

Il centro dei Knicks, Mitchell Robinson, ha giocato per la prima volta da quando ha subito un infortunio alla caviglia sinistra che lo ha tenuto fuori per 50 partite. Il giocatore alto 2 metri e 13 non scendeva in campo dal 8 dicembre, quando si era infortunato in una sconfitta a Boston, per poi sottoporsi a un intervento chirurgico.

Robinson, entrato dalla panchina, ha segnato otto punti.

“Non sai mai cosa aspettarti ma è una buona base per noi,” ha detto l’allenatore dei Knicks Tom Thibodeau. “Mi è piaciuto come si è mosso. Migliorerà di giorno in giorno.”

Robinson ha catturato due rimbalzi e bloccato due tiri, respingendo il primo a meno di un minuto dal suo ingresso in campo.

“Almeno la mia difesa è quasi là,” ha detto Robinson. “Ho ancora un po’ da lavorare su quella.”

Il guardia dei Knicks, Donte DiVincenzo, ha detto di aver apprezzato ciò che ha visto da Robinson.

“È stato fantastico averlo là fuori, solo per vederlo felice,” ha detto DiVincenzo. “Il suo spirito è davvero contagioso per noi, per non parlare di ciò che porta in difesa.”

Gradey Dick ha segnato un massimo in carriera di 23 punti per Toronto e Gary Trent Jr. ne ha fatti 18 ma i Raptors, privi di alcuni giocatori, hanno perso la loro dodicesima partita consecutiva e sono scesi a 1-13 contro gli avversari della Divisione Atlantica.

“Il nostro focus non era dove doveva essere e questa è un’area in cui possiamo migliorare,” ha detto l’allenatore dei Raptors Darko Rajakovic.

Il margine di 44 punti è stata la più grande sconfitta casalinga nella storia dei Raptors, superando una perdita di 41 punti contro New Orleans il 5 marzo.

McBride, che ha segnato 18 punti nel primo quarto, ha eguagliato un record dei Knicks realizzando sei triple nel periodo. I Knicks hanno chiuso con un massimo stagionale di 22 triple.

Brunson ha segnato 11 punti nel secondo quarto mentre i Knicks hanno preso un vantaggio di 80-59 all’intervallo. Gli 80 punti rappresentano il massimo che la squadra ha segnato in un tempo questa stagione.

L’ex Raptor OG Anunoby non era disponibile al suo ritorno a Toronto a causa dell’infortunio al gomito destro che lo ha tenuto fuori in 22 delle ultime 25 partite.

La guardia dei Knicks Alec Burks è rimasto fuori per la seconda partita consecutiva a causa di una distorsione alla spalla destra.

La guardia dei Raptors Ochai Agbaji è caduto pesantemente sul fianco destro mentre lui e McBride si contendevano un passaggio verso il canestro dei Knicks a metà del primo quarto. Agbaji è stato aiutato a raggiungere lo spogliatoio, incapace di appoggiare il peso sulla gamba destra. Non è tornato in campo e i Raptors hanno dichiarato che ha subito una contusione all’anca destra.